Rete Toscana Classica


Editoriale di agosto

Leonard Bernstein

LENNY PER SEMPRE

(L'immagine in copertina è di Leonard Bernstein)

Cari amici,
Cento anni or sono, il 25 agosto del 1918, nasceva a Lawrence, in Massachusetts, Leonard Bernstein, la più completa figura di musicista del Novecento, un secolo di cui ha segnato profondamente la seconda metà, come compositore, direttore d’orchestra, pianista, divulgatore. Fu Bernstein a intuire per primo, nel 1954, le formidabili potenzialità del mezzo televisivo per educare alla musica uditori immensi. La sua trasmissione della serie «Omnibus» sulla Quinta Sinfonia di Beethoven, trasmessa quell’anno, nella quale si addentrava nel mistero della creazione di quel capolavoro mettendo a frutto le sue eccezionali doti di direttore, pianista, compositore e soprattutto di comunicatore rimane un pilastro nella storia dell’educazione all’arte, così come i leggendari «Young People’s Concerts» che la televisione americana trasmetteva in diretta dalla Carnegie Hall, dove Bernstein dialogava con una platea di ragazzini svelando loro le meraviglie del linguaggio musicale, con una naturalezza che non temeva di addentrarsi anche in argomenti e ascolti assai complessi, ma che diventavano accessibili a tutti grazie alla sua empatia didattica e all’incomparabile carisma. Con Candide e West Side Story, Bernstein ha saputo riportare il teatro musicale verso il grande pubblico, creando due capolavori di opera popolare che non temono tramonto. Le sue esecuzioni, così come le sue partiture, esprimono un umanesimo autentico, che a dispetto di tutti gli orrori passati e presenti della storia, riesce a professare un’incrollabile fede nella fratellanza, nella pace, nella giustizia sociale. Di quella fede, ora più che mai, abbiamo tutti un immenso bisogno. Ed è in primo luogo per questa ragione che Rete Toscana Classica lo celebra come mai ha fatto per alcun altro musicista, dedicandogli la programmazione di tutto il mese di agosto: concerti ripresi dal vivo e resi disponibili solo in tempi molto recenti, registrazioni storiche, tutti i lavori teatrali, anche nella doppia versione di musical e di opera, lo sterminato patrimonio delle registrazioni ufficiali, tutte le registrazioni di opere liriche, dalla Medea con la Callas alla Scala nel 1953 fino all’atto di amore per Puccini con La Bohème registrata in concerto a Santa Cecilia nel 1987. Questo programma di agosto è insomma la nostra personale biografia artistica e sentimentale di Lenny, un gesto di ringraziamento per tutto quello che ha donato all’umanità, un’eredità da conservare gelosamente e da condividere con tutti. Buon compleanno, Lenny!

Alberto Batisti
direttore artistico
Foto-editoriale.jpg
RETE TOSCANA CLASSICA
Sede: Via Santa Trinita n°2 - 59100 Prato
Tel 0574 401894 Fax 0574 448547
P.IVA 01928540978
info@retetoscanaclassica.it