Rete Toscana Classica


Le rubriche di Rete Toscana Classica

Parliamo di musica

a cura di Alberto Batisti

In onda il quarto martedì del mese alle 18,40 e in replica il giovedì successivo alle 10,40

ALBERTO BATISTI è nato a Prato, ha studiato Lettere e Storia della Musica all'Università di Firenze e si è diplomato in pianoforte. Nel 1986 diviene critico musicale di «Paese sera» e, dal 1988 al 1997, de «La Repubblica». Ha insegnato storia della musica alla Scuola di Musica di Fiesole, al Conservatorio di Potenza ed è titolare della medesima cattedra al Conservatorio di Como. È stato docente al DAMS dell’Università di Firenze e, dopo aver diretto la Scuola di musica di Sesto Fiorentino e la programmazione musicale del Teatro Metastasio di Prato, è fin dalla fondazione direttore artistico della Camerata Strumentale «Città di Prato» e dal 1997 al 2009 quella del Teatro Verdi di Pisa. Incaricato nel 2002 dalla Regione Toscana di fondare e dirigere Rete Toscana Classica. Dal 2005 è direttore artistico degli Amici della Musica di Perugia e dal 2008 della Sagra Musicale Umbra. Ha tradotto l'editore «Le Lettere» La Musica nel Rinascimento di Gustave Reese, e per Einaudi Brahms e Wagner di Massimo Mila. Autore di importanti voci del Dizionario dell'opera lirica edito da Baldini e Castoldi. Attivissimo conferenziere, in Italia e all’estero.

Ascolta "Parliamo di musica" del 25 aprile

Cronache musicali

a cura di Luca Berni

In onda il secondo mercoledì del mese alle 15.40 con replica il venerdì successivo alle 10,40

LUCA BERNI è nato a Firenze, ha compiuto gli studi umanistici terminandoli con una laurea in Lettere e Filosofia e una tesi sui libretti d’opera di Dino Buzzati, ottenendo il Premio Aldo Palazzeschi dell’Università degli Studi di Firenze e la segnalazione dalla Fondazione Dino Buzzati. Per l’Università dell’ Età Libera di Sesto Fiorentino conduce dal 2007 corsi di avvio all’ascolto al teatro musicale. Dalla fondazione responsabile della programmazione di RTC. Per RTC ha curato cicli monografici dedicati a Ravel e a Puccini e conduce trasmissioni di carattere musicale e dirette di concerti.

Ascolta "Cronache musicali" del 10 maggio

La musica e i dischi di Claudio Martini

a cura di Claudio Martini

In onda il primo sabato del mese alle 15,40 con replica il lunedì successivo alle 10,40

CLAUDIO MARTINI è nato il 10 gennaio 1951 a Bardo, un comune nella periferia di Tunisi, sposato con Arianna ha due figli: Vladimiro di 38 anni e Niccolò di 22 mesi. La famiglia era emigrata lì da Livorno nel 1885 e lì ha vissuto per dieci anni. Tornato in Toscana nel 1961, dal 1962 al 2000 ha vissuto a Prato. Da 11 anni abita a Firenze. Ha ricoperto vari ruoli istituzionali: Sindaco di Prato (1988-95), Assessore regionale alla Salute (1995-2000), Presidente della Regione Toscana (2000-10). E' stato membro del Comitato delle Regioni d'Europa (2000-10). La musica è sempre stata la sua passione, in famiglia i musicisti erano molti: il nonno era violinista professionista ed il padre bravo pianista amatoriale. A 4 anni cantava nel coro infantile della parrocchia di San Giuseppe al Bardo, diretto dal padre. Ha suonato la chitarra da autodidatta e da anni si dedica al collezionismo di musica classica ed alla diffusione musicale. Nel 2001 ha collaborato alla nascita di "Rete Toscana Classica" ove cura una rubrica mensile di divulgazione. Dal novembre 2010 è Presidente della "Fondazione Orchestra Regionale Toscana".

Ascolta "La musica e i dischi di Claudio Martini" del 6 maggio

Novità in compact

a cura di Francesco Ermini Polacci

In onda il primo e terzo giovedì del mese alle 15,40 con replica il martedì successivo alle 10,40

FRANCESCO ERMINI POLACCI, storico della musica e critico, compie studi musicali alle scuole di musica di Fiesole, di Sesto Fiorentino e privatamente. Laureato con il massimo dei voti e lode in Lettere all’Università di Firenze. Direttore del servizio stampa e promozione e consulente musicale degli Amici della Musica di Firenze, di cui cura il festival Settembre Musica. Critico musicale del «Corriere Fiorentino», ha ricoperto lo stesso incarico per «Il Giornale della Toscana». Per la RAI cura trasmissioni radiofoniche. Direttore responsabile di «Arione», bollettino degli Amici del Maggio Musicale. Scrive note di sala per associazioni concertistiche e teatrali e tiene conferenze. Docente del Laboratorio di critica musicale presso il DAMS dell’Università di Firenze e del progetto formativo La musica nella cultura: per un ascolto consapevole della Camerata Strumentale Città di Prato; dal 2011 insegna Storia del Melodramma per l’Università dell’Età Libera di Firenze. Il DEUMM gli ha dedicato una voce. Collabora con Rete Toscana Classica dalla fondazione.

Ascolta "Novità in compact" del 20 aprile 2017

Luce di taglio

a cura di Rodolfo Sacchettini

In onda il primo e terzo mercoledì del mese lale 15,40 con replica il venerdì successivo alle 10,40

RODOLFO SACCHETTINI è critico teatrale della rivista «Lo straniero» e ha fatto parte del coordinamento critico-organizzativo del Festival di Santarcangelo (2009-2011). È dottore di ricerca in Italianistica e ha pubblicato La radiofonica arte invisibile. Il radiodramma italiano prima della televisione (Titivillus, 2011). Ha inoltre pubblicato L’oscuro rovescio. Previsione e pre-visione della morte nella narrativa di Tommaso Landolfi (SEF, 2006) e ha scritto saggi per la collana “I libri quadrati” della Ubulibri. Ha curato insieme ad Ascanio Celestini il volume Storie da legare (Edizione della Meridiana, 2006), con Anna Dolfi e Nicola Turi il volume Memorie, autobiografie, diari nella letteratura italiana dell’Ottocento e del Novecento (ETS, 2008) e con Debora Pietrobono Il teatro salvato dai ragazzini (Edizione dell’Asino, 2011). È tra i fondatori di Altre Velocità, gruppo di osservatori e critici teatrali (www.altrevelocita.it) e dal 2004 cura e conduce la rubrica radiofonica bimensile di attualità teatrale, Luce di taglio, su Rete Toscana Classica.

Ascolta "Luce di taglio" del 19 aprile

Pagine in onda

a cura di Gabriele Ametrano

In onda il quarto mercoledì del mese alle 15,40 con replica il venerdì successivo alle 10,40

GABRIELE AMETRANO è nato a Roma nel 1978.
Giornalista, collabora con le pagine culturali del Corriere Fiorentino (dorso locale del Corriere della Sera) e con alcune riviste (Indice dei Libri, VisitArt, Edison Square, MilanoNera). Dal 2008 conduce due programmi letterari nel palinsesto di Rete Toscana Classica. Organizza rassegne e appuntamenti culturali sul territorio nazionale. Ha pubblicato due sillogi di poesie (“Tornerà la stagione dei sogni”, Il Segnale, 1999; “Il rumore dell’anima”, Ibiskos, 2006) e curato l’antologia di scrittori fiorentini “Sotto la lente” (LAB Giulio Perrone Editore, 2008). Ha tradotto dal francese “L’uomo che camminava con la pallottola in testa” di Philippe Pollet-Villard (Barbès Editore, 2008). Ha un sito www.gabrieleametrano.com

Ascolta "Pagine in onda" del 26 aprile

RETE TOSCANA CLASSICA
Sede: Viale della Repubblica 277 - 59100 Prato
Tel 0574 401894 Fax 0574 448547
P.IVA 01928540978
info@retetoscanaclassica.it