QUATTRO OPERE PER RICORDARE E RINGRAZIARE ROLANDO PANERAI

Cari amici,

per ricordare un grande artista toscano, il baritono Rolando Panerai (Campi Bisenzio, 17 ottobre 1924 – Firenze, 22 ottobre 2019), Rete Toscana Classica manda in onda a dicembre ben quattro registrazioni d’opera che hanno segnato la sua lunga e felicissima carriera. La prima (7 dicembre, ore 20.30) è il celebre Trovatore registrato nel 1956 da Karajan con i complessi della Scala, e con le voci di Maria Callas, Giuseppe di Stefano e Fedora Barbieri. Venerdì 13 dicembre sarà invece la volta di un cavallo di battaglia che ebbe in Panerai l’interprete ideale e insuperabile, il Gianni Schicchi di Puccini, diretto da Giuseppe Patanè. Tanti di voi avranno ancora negli occhi e nelle orecchie Rolando Panerai in questo ruolo idiomatico nelle messe in scena del Maggio Musicale Fiorentino, in particolare quella ormai entrata nel mito con Bruno Bartoletti sul podio e la regia di Mario Monicelli.
Il 21 dicembre ritroveremo Panerai registrato dal vivo nel 1974 a Salisburgo nei panni di Don Alfonso in Così fan tutte, direttore Karl Böhm. Infine, domenica 29 dicembre, lo ricorderemo come Ford nel Falstaff di Verdi, diretto da Karajan nel 1956. Nello stesso ruolo, Panerai ha lasciato un’eccezionale testimonianza discografica nell’edizione viennese diretta da Leonard Bernstein. È un omaggio doveroso a un glorioso musicista della nostra terra che è stato anche affezionato abbonato sostenitore di questo Bollettino di Rete Toscana Classica.
Le trasmissioni in diretta di questo mese sono due. Il 12 dicembre, dal Teatro Politeama, andrà in onda il concerto della Camerata strumentale «città di Prato» diretto da Luigi Piovano, che è anche solista, insieme a Grazia Raimondi, del Doppio Concerto op. 102 di Johannes Brahms. Il 14 saremo invece al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino per La Bohème diretta da Francesco Ivan Ciampa.
Sono ben quattro i concerti registrati al Bologna Festival in programma a dicembre, due per la serie «Bach versus Haendel» e due del ciclo «Apologia del quartetto», entrambi progettati da Mario Messinis.

A voi tutti, amici cari, gli Auguri di un Felice e Sereno Natale da parte dello staff di Rete Toscana Classica.

Alberto Batisti