Vent’anni di musica insieme

Rete Toscana Classica è un progetto radiofonico nato nel luglio del 2002, grazie al sostegno della Regione Toscana, con l’intento di diffondere il più possibile a un pubblico sempre più ampio un genere qual è la musica classica.

Nonostante la musica classica abbia radici molto antiche, è considerata universale, attuale ancora oggi, amata e apprezzata in tutto il mondo perché è un genere che insegna il rispetto e l’ascolto e che è dimostrazione, con la sua polifonia, che elementi diversi possono convivere in modo armonico, che il passato è nutrimento per immaginare un futuro diverso e migliore.

Rete Toscana Classica si è impegnata e si impegna alla divulgazione di questo genere musicale attraverso la cura nella scelta degli ascolti e nella produzione di cicli tematici firmati da importanti musicologi, a disposizione degli ascoltatori gratuitamente in streaming sul suo sito.

Oltre alla programmazione trasmessa ventiquattro ore al giorno, questa emittente si dedica alla diffusione delle notizie più importanti sulla cultura e sulle iniziative musicali ed artistiche in Toscana con interessanti ed utili interviste e approfondimenti.

Auguri a Rete Toscana Classica per questo suo ventesimo anniversario, un importante traguardo che deve farci anche riflettere su come la radio abbia una dimensione fortemente universalistica e abbia la capacità di raggiungere chiunque, ovunque, in qualsiasi momento della giornata. Un ruolo che è stato ben percepito da tutti durante il lockdown, quando si è dimostrata una buona compagnia, scandendo il ritmo delle giornate, alleviando la monotonia dei più giovani e la solitudine degli anziani.

Eugenio Giani

 

Care amiche, cari amici,

il 1 luglio 2002 Rete Toscana Classica iniziava le sue trasmissioni e pubblicava il primo numero del Bollettino dei programmi. In copertina c’era la foto di Claudio Abbado che vi riproponiamo in occasione dell’anniversario. Il progetto grafico era firmato da Gianluca Gori, oggi più noto col suo nome d’arte di Drusilla Foer. Rete Toscana Classica nacque per iniziativa di Claudio Martini, allora Presidente della Regione Toscana. Immediatamente raccolse un favore e un seguito che contribuirono a renderla un caso unico nell’impegno istituzionale per la diffusione della musica d’arte e per la divulgazione culturale.

Mi è caro ricordare che fra i primissimi entusiasti ascoltatori di Rete Toscana Classica ci furono i maestri Bruno Bartoletti e Piero Bellugi. Alla loro memoria rivolgo un pensiero di perenne gratitudine e inestinguibile affetto. Pari riconoscenza va a un’altra nostra ascoltatrice fedelissima, Fiamma Nicolodi. L’illustre studiosa, scomparsa lo scorso anno, ebbe per Rete Toscana Classica un attaccamento speciale fin dalla prima ora.

Il cammino di questi vent’anni è stato colmo di soddisfazioni, in primo luogo per la platea di ascoltatori che si è fatta sempre più ampia, grazie anche all’approdo della Radio sul digitale terrestre e sul web. In virtù dello streaming oggi Rete Toscana Classica è ascoltata in tutto il mondo, come ci testimoniano i tanti messaggi che giungono da ogni continente. Fra le emittenti tematiche, e in particolare fra quelle consacrate alla musica d’arte, Rete Toscana Classica gode di una reputazione davvero speciale per la qualità della sua programmazione.

Il merito di questo successo va attribuito a una squadra meravigliosa che ha in Luca Berni la guida appassionata. Per tanti anni, fino al gennaio 2021, Gianluigi Campanale è stato un saldo responsabile della parte tecnica, ruolo che oggi Roberto Spinelli ha ereditato. L’altro tecnico, vero angelo custode della Radio, è da sempre Valentina Marchi. La redazione ha in Andrea Nanni il suo prezioso responsabile. Non credo di esagerare se affermo che per molti di voi Rete Toscana Classica è indissolubilmente legata a una voce, quella inconfondibile di Ivano Bini. È stato lui a interpretare, fin dal luglio del 2002, il primo vagito della nuova creatura radiofonica. Ad affiancarlo è poi arrivata Laura Guarnieri. Infine, la cura dell’amministrazione è stata per tanti anni nelle mani di Marta Ballotti, che col pensionamento ha ora in Paolo Lora Lamia il suo successore.

I vent’anni di Rete Toscana Classica sono soprattutto l’occasione per ringraziare queste meravigliose persone e, insieme a loro, i tanti prestigiosi collaboratori, tutti protagonisti di una bella avventura che mi auguro possa durare ancora tanti anni.
Il compleanno mi offre anche la speciale opportunità di ringraziare tutti voi abbonati al Bollettino e tutti gli ascoltatori di Rete Toscana Classica. Il vostro affetto e la vostra fedeltà sono la più grata ricompensa al nostro lavoro e lo sprone più efficace a migliorarci.

Buon anniversario di Rete Toscana Classica a tutti!

Alberto Batisti

x

Iscriviti alla mailing list di RTC

Per rimanere sempre aggiornati sui contenuti indediti, i palinsesti, i programmi le novità e i nuovi servizi di RTC, iscriviti alla nostra newsletter.

Consento al trattamento, alla conservazione ed alla comunicazione dei miei dati personali con le modalità e gli scopi specificati nella Politica sulla privacy