Günter Wand dirige Bruckner

10/03 - 15.40

Negli ultimi anni della sua lunga carriera, Wand limitò il suo repertorio alle sinfonie di Mozart, Beethoven, Brahms, Schubert e Bruckner, compositore che non aveva mai diretto nei suoi primi 60 anni di vita e che considerava “il più importante sinfonista dopo Beethoven”. E proprio all’interpretazione delle sinfonie di Bruckner è particolarmente legata la fama di Wand. Ascoltiamo quindi la sua interpretazione della Sinfonia n. 4 in mi bemolle maggiore “Romantica” del compositore austriaco nell’esecuzione della Nhk Symphony Orchestra.

Tra tutte le sinfonie scritte da Bruckner, la Quarta è l’unica ad avere un titolo. Le didascalie, previste dall’autore ma non riportate in partitura, evocano, insieme ad alcuni aspetti naturalistici, richiami di ispirazione storico-letteraria che vanno da Tieck a Hoffmann, da Novalis a Wagner. Ci accompagnano in questo itinerario immaginario le parole di Giacomo Manzoni: “Nelle partiture sinfoniche di Bruckner il tempo a volte sembra arrestarsi nella contemplazione, come se volesse tornare all’armonia della natura, all’infinita armonia dell’universo: (…) tutto si fonde in un vasto affresco sonoro dove non c’è più lotta ma solo adorazione e fede, olocausto di gioie e di dolore umani all’Ente supremo”.

x

Iscriviti alla mailing list di RTC

Per rimanere sempre aggiornati sui contenuti indediti, i palinsesti, i programmi le novità e i nuovi servizi di RTC, iscriviti alla nostra newsletter.

Consento al trattamento, alla conservazione ed alla comunicazione dei miei dati personali con le modalità e gli scopi specificati nella Politica sulla privacy