Serata all’opera: Don Giovanni

20/03 - 20.30

La nostra Serata all’opera propone Don Giovanni, dramma giocoso in due atti di Wolfgang Amadeus Mozart su libretto di Lorenzo Da Ponte. Lo ascoltiamo nell’edizione diretta da Teodor Currentzis con la sua orchestra MusicAeterna. Il direttore d’orchestra greco-russo divide gli ascoltatori tra ammirazione e irritazione per l’approccio originale con cui interpreta i capolavori del passato. Al virtuosismo esecutivo si intreccia un pensiero che collega la musica alla storia e alla filosofia in maniera del tutto personale.

A proposito di questa esecuzione dell’ultimo atto della trilogia Mozart-Da Ponte, Giordano Cavagnino ha scritto su GBOpera: “Currentzis non ricerca una prassi esecutiva, impone una propria lettura dell’opera e, se utilizza gli strumenti d’epoca, lo fa perché il loro suono più nervoso, più teso, più scattante è quanto serve alla sua concezione demiurgica.  Già la scelta di fondere le versioni di Vienna e Praga mostra un certo disinteresse per il rigore filologico che l’ascolto non fa che confermare a ogni nota. Tutto in questa versione è sottomesso a un senso teatrale implacabile, travolto da una galoppata verso un finale che Currentzis ricrea in una luce drammatica dai bagliori allucinati, quasi espressionisti ottenendo dagli strumenti antichi una presenza fonica degna delle migliori orchestre moderne ma senza perdere nulla in fatto di pulizia e chiarezza delle linee armoniche e melodiche”.

Il cast
Don Giovanni  Dimitris Tiliakos
Il Commendatore  Mika Kares
Donna Anna  Myrtò Papatanasiu
Don Ottavio  Kenneth Tarver
Donna Elvira  Karina Gauvin
Leporello  Vito Priante
Masetto  Guido Loconsolo
Zerlina  Christina Gansch
London Voices

x

Iscriviti alla mailing list di RTC

Per rimanere sempre aggiornati sui contenuti indediti, i palinsesti, i programmi le novità e i nuovi servizi di RTC, iscriviti alla nostra newsletter.

Consento al trattamento, alla conservazione ed alla comunicazione dei miei dati personali con le modalità e gli scopi specificati nella Politica sulla privacy