Sergio Fiorentino suona Franz Liszt

16/10 - 14.03

Sergio Fiorentino suona Franz Liszt. Torniamo a farvi ascoltare il grande pianista napoletano, ancora oggi sconosciuto al grande pubblico. Dopo aver debuttato nel 1953 al Carnegie Hall di New York, l’anno successivo Fiorentino è coinvolto in un incidente aereo che lo terrà lontano dalle sale da concerto per lunghi periodi. Paragonato dalla critica a Sergej Rachmaninov per il virtuosismo, nel 1997 il pianista riscuote grandi consensi con il celeberrimo Concerto n. 3 per pianoforte e orchestra del compositore russo, eseguito più volte prima di morire improvvisamente per infarto l’anno successivo. Oggi lo ascoltiamo in un’antologia lisztiana aperta da Liebestraum n. 3 in la bemolle maggiore. A seguire La Campanella, terzo dei Six études d’après Paganini, e Vision, sesto dei Douze études d’exécution transcendante. È poi la volta di due Rhapsodies hongroises: la numero 15 e la numero 8. Ascoltiamo ancora due Ballate – la Ballata n. 1 in re bemolle maggiore e la Ballata n. 2 in si minore – prima di concludere l’antologia con Funérailles.

x

Iscriviti alla mailing list di RTC

Per rimanere sempre aggiornati sui contenuti indediti, i palinsesti, i programmi le novità e i nuovi servizi di RTC, iscriviti alla nostra newsletter.

Consento al trattamento, alla conservazione ed alla comunicazione dei miei dati personali con le modalità e gli scopi specificati nella Politica sulla privacy