Dialoghi fra passato e presente

Care amiche, cari amici,

la programmazione di questo mese offre due concerti registrati dal vivo nel settembre 2023 con l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino diretta da Zubin Mehta. Il primo di questi due programmi, in onda domenica 18 alle ore 20.30, è interamente dedicato a Mozart e vede anche la partecipazione del Coro preparato da Lorenzo Fratini per la celebre Messa «dell’incoronazione» K. 317. Il secondo concerto – in calendario domenica 25 febbraio, sempre alle ore 20.30 – è invece consacrato a musiche di Mendelssohn. Un motivo di speciale interesse è la presenza di Giuseppe Gibboni (nella foto), vincitore del Premio «Paganini» nel 2021, come solista nel popolarissimo Concerto in mi minore op. 64 per violino e orchestra, incorniciato dall’Ouverture per il Sogno di una notte di mezza estate op. 21 e dalla Sinfonia n. 4 op. 90 «Italiana». 

Domenica 4 e domenica 11 alle ore 20.30, con replica il giovedì successivo alle ore 18.40, vi proponiamo invece i concerti registrati al Bologna Festival per la rassegna Il Nuovo L’Antico. Come suggerisce il titolo, si tratta di dialoghi fra la musica d’epoca rinascimentale o barocca e opere di autori contemporanei. Il primo concerto ha per protagonisti il soprano Laura Catrani e Claudio Astronio all’organo e al clavicembalo. Barbara Strozzi, Henry Purcell, Georg Friedrich Händel e altri autori sono alternati a voci del nostro tempo come Luciano Berio, Philip Glass e Marianne Faithfull. Nel concerto che trasmetteremo domenica 11, intitolato Musica assoluta e strumenti ben temperati, l’impaginazione è ancora più suggestiva. L’illustre clavicembalista Enrico Baiano interpreta Preludi e Fughe dal Clavicembalo ben temperato alternati a lavori contemporanei per ensemble di percussioni. A eseguire questi ultimi sono gli specialisti di Tetraktis, ensemble di cui quest’anno ricorrono i trent’anni di attività concertistica e di ricerca, uno dei gruppi più autorevoli in Italia (e non solo) in questo repertorio particolare, che è tra i più affascinanti nella ricerca sonora attuale.

Vi segnalo infine il concerto della Camerata strumentale di Prato, che sarà trasmesso in diretta giovedì 22 alle ore 21 dal Teatro Politeama. Hugo Ticciati torna a dirigere l’Orchestra pratese in un nuovo capitolo dell’integrale delle Sinfonie di Johannes Brahms, messe a confronto con musiche di recentissima composizione. In questo programma la Quarta Sinfonia in mi minore op. 98 è preceduta da The Patience of the Trees, partitura del 2021 di Dobrinka Tabakova qui alla sua prima esecuzione in Italia. Si tratta di un lavoro per violino, archi e percussioni di grande suggestione e di avvincente poesia, ispirato alla nostra colpevole mancanza di rispetto per l’ambiente e la natura. Hugo Ticciati ne è l’interprete nella duplice veste di solista al violino e di direttore.

Buon ascolto dei programmi di Rete Toscana Classica.

Alberto Batisti

x

Iscriviti alla mailing list di RTC

Per rimanere sempre aggiornati sui contenuti indediti, i palinsesti, i programmi le novità e i nuovi servizi di RTC, iscriviti alla nostra newsletter.

Consento al trattamento, alla conservazione ed alla comunicazione dei miei dati personali con le modalità e gli scopi specificati nella Politica sulla privacy