Palinsesto del 30 marzo

6 – 6.34

SINFONIA

  • Georges Bizet 1838 – 1875
    Sinfonia in do maggiore
6.35 – 7.19

ANNIE FISCHER SUONA BEETHOVEN

  • Ludwig van Beethoven 1770 – 1827
    Sonata per pianoforte in do maggiore, op. 2 n. 3
  • Ludwig van Beethoven 1770 – 1827
    Sonata per pianoforte in fa minore, op. 2 n. 1
7.21 – 8.25

IL QUARTETTO AMADEUS DAL VIVO A SALZBURG

  • Wolfgang Amadeus Mozart 1756 – 1791
    Quartetto per archi in do maggiore, K 465
  • Ludwig van Beethoven 1770 – 1827
    Quartetto per archi in mi bemolle maggiore, op. 127
8.26 – 8.51
  • Domenico Scarlatti 1685 – 1757
    Sette sonate: in re maggiore L. 422, in fa maggiore L. 116, in re minore L: 423, in fa minore L. 118, in la maggiore L: 395, in si minore L. 449, in sol maggiore L: 487
8.52 – 9
  • Maurice Ravel 1875 -1937
    Frontispice per due pianoforti
9 – 10.25

Almanacco
a cura di Claudio Martini

Nasce il 30 marzo 1510 a Burgos l’organista spagnolo Antonio de Cabézon. Cieco fin dall’infanzia, fu dal 1526 al servizio dell’imperatrice Isabella e quindi musico di camera dell’imperatore Carlo V e di Filippo II di Spagna. Soggiornò in Italia, Germania, Paesi Bassi e Inghilterra, avvicinando le correnti più significative della musica del suo tempo. Fu considerato il maggior esponente della musica organistica del secolo XVI. Famosi soprattutto sono i suoi tiento (ricercari), nei quali una grande abilità contrappuntistica di origine vocale si unisce a una concezione estremamente originale della scrittura per strumento a tastiera. Morì a Madrid nel maggio 1566.

  • Antonio de Cabézon 1510 – 1566
    Tiento III. Primer tono
  • Antonio de Cabézon 1510 – 1566
    Diferencias sobre «Las vacas»
  • Antonio de Cabézon 1510 – 1566
    Diferencias sobre el canto del Cauallero
  • Antonio de Cabézon 1510 – 1566
    Motete glosano per organo 

Il 30 marzo 1772 nasce a Witzhelden, presso Solingen, Johann Wilhelm Wilms, il maggior compositore olandese del primo Ottocento. Organista, didatta, autore di molta musica strumentale, è noto per aver scritto la musica dell’inno nazionale olandese «Wien Neerlands bloed», adottato dal 1815 fino al 1932. Studiò composizione, flauto e pianoforte in famiglia e nel 1791 si trasferì ad Amsterdam dove eseguì, per la prima volta nei Paesi Bassi, alcuni concerti per pianoforte di Mozart e di Beethoven, autori che furono, insieme ad Haydn, i suoi modelli di riferimento. Nelle ultime opere maturò uno stile personale fatto di densità tematica, armonie espressive e sperimentazioni sonore.

  • Johann Wilhelm Wilms 1772 – 1847
    Sinfonia n. 7 in do minore 

Ricorre oggi il sessantunesimo anniversario di Sabine Meyer, clarinettista tedesca nata a Crailsheim nel Baden-Württemberg. Si è formata a Stoccarda ed Hannover ed ha iniziato come membro dell’Orchestra della Radio Bavarese e dei Berliner Philharmoniker dove la sua assunzione, come una delle prime donne dell’orchestra, causò una controversia con Karajan che la ingaggiò nel settembre 1982 ma gli orchestrali votarono quasi tutti contro, sostenendo che il suo tono non si amalgamasse agli altri membri della sezione. Molti pensarono con Karajan che fosse solo una mera questione di genere.

  • Wolfgang Amadeus Mozart 1756 – 1791
    Concerto per clarinetto e orchestra in la maggiore K. 622
  • Carl Maria von Weber 1786 – 1826
    Concertino per clarinetto e orchestra in mi bemolle maggiore op. 26
10.30 – 10.40

Notiziario culturale

10.40 – 11.13

IVO VARBANOV SUONA SCHUMANN E BRAHMS 

  • Robert Schumann 1810 – 1856
    Gesänge der Frühe, op. 133
  • Johannes Brahms 1833 – 1897
    dai Preludi corali per organo: nn. 4, 5, 8, 9, 10, 11 – trascrizione per pianoforte di Ferruccio Busoni
11.14 – 11.27
  • Benjamin Britten 1913 – 1976
    A Charm of Lullabies op. 41
11.28 – 12.06

STUDI

  • Robert Schumann 1810 – 1856
    Studi sinfonici, op. 13
  • György Ligeti 1923 – 2006
    Études per pianoforte, primo libro
12.07 – 12.30
  • Johann Sebastian Bach 1685 – 1750
    Jesu meine Freunde BWV 227
12.30 -12.40

Spazio informativo

12.40 – 14.01

OUVERTURE

  • Carl Maria von Weber 1786 – 1826
    Euryanthe, ouverture
  • Felix Mendelssohn Bartholdy 1809 – 1847
    Sogno di una notte di mezza estate, ouverture op. 21
  • Ludwig van Beethoven 1770 – 1827
    Coriolano, ouverture op. 62
  • Robert Schumann 1810 – 1856
    Manfred, ouverture op. 115
  • Giuseppe Verdi 1813 – 1901
    Forza del destino, ouverture
  • Otto Nicolai 1810 – 1849
    Le allegre comari di Windsor, ouverture
  • Carl Maria von Weber 1786 – 1826
    Oberon, ouverture
  • Ludwig van Beethoven 1770 – 1827
    Egmont, ouverture op. 84
14.02 – 15.22

OMAGGIO A EMIL GILELS

  • Piotr Ilijc Ciajkovskij 1840 – 1893
    Concerto per pianoforte e orchestra n. 1 in si bemolle minore, op. 23
  • Johannes Brahms 1833 – 1897
    Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 in si bemolle maggiore, op. 83
15.23 – 15.30
  • John Dowland 1562 – 1626
    Pipers Pavan
15.30 – 15.40

Notiziario culturale

15.40 – 16.50
  • Ludwig van Beethoven 1770 – 1827
    Sinfonia n. 9 in re minore op. 125
16.51 – 17.41

GIOVANI SOLISTI PER RAVEL

  • Maurice Ravel 1875 – 1937
    Concerto per pianoforte e orchestra in sol maggiore
  • Maurice Ravel 1875 -1937
    Tzigane, rapsodia da concerto per violino e orchestra
  • Maurice Ravel 1875 – 1937
    Concerto per la mano sinistra
17.42 – 18.08

HERMANN PREY CANTA PFITZNER

  • Hans Pfitzner 1869 – 1949
    Nachtwanderer
  • Hans Pfitzner 1869 – 1949
    Lockung
  • Hans Pfitzner 1869 – 1949
    5 Lieder, op. 9
  • Hans Pfitzner 1869 – 1949
    In Danzig
18.09 – 18.30
  • Johann Sebastian Bach 1685 – 1750
    Suite per violoncello solo n. 2 in re minore, BWV 1008
18.30 -18.40

Spazio informativo

18.40 – 19.40

BEETHOVEN 250 – E gli uomini salirono verso la luce
progetto di Alberto Batisti e Luca Berni
Tredicesima trasmissione: Il pianoforte (13)
a cura di Francesco Dilaghi

19.41 – 20.09

FRANÇOIS LE ROUX E VÉRONIQUE GENS CANTANO ALBERT ROUSSEL

  • Albert Roussel 1869 – 1937
    La Menace, op. 9 L.10 – testo di Henri de Régnier (1908)
  • Albert Roussel 1869 – 1937
    da Quatre poèmes, op. 8 L.9 – testo di Henri de Régnier: «Adieux» (1907)
  • Albert Roussel 1869 – 1937
    Odes anacréontiques, op. 31 L.37 – traduzione di Leconte de Lisle (1926)
  • Albert Roussel 1869 – 1937
    Deux poèmes chinois, op. 35 L.43 – testo di Henri-Pierre Roché dalla traduzione inglese di Herbert Giles (1927)
  • Albert Roussel 1869 – 1937
    da Deux mélodies, op. 20 L.22 – testo di René Chalupt: «Sarabande»
  • Albert Roussel 1869 – 1937
    da Deux mélodies, op. 20 L.22 – testo di René Chalupt: «Le Bachelier de Salamanque »(1919)
20.10 – 20.15
  • George Gershwin 1898 – 1937
    Somebody Loves Me
  • George Gershwin 1898 – 1937
    Sweet and Lowdown
  • George Gershwin 1898 – 1937
    S’wonderful
20.16 – 20.30
  • Antonio Vivaldi 1678 – 1741
    Concerto da camera in fa maggiore per viola d’amore, due oboi, due corni da caccia, fagotto e basso continuo R. 97
20.30 – 21.48

ORATORIO CONTEMPORANEO

  • George Lloyd 1913 – 1998
    Pervigilium Veneris (La veglia di Venere)
21.49 – 22.01
  • Niccolò Castiglioni 1932 – 1996
    Fantasia Concertata (1991), per pianoforte e orchestra
22.02 – 23.15

SUITE ALLA FRANCESE E CONCERTI ITALIANI

  • Johann Kuhnau 1660 – 1722
    Partita quarta per clavicembalo in fa minore
  • David Funk 1630ca – 1690
    Suite in re maggiore per 4 viole
  • Matthias Weckmann 1615 – 1674
    Suite per clavicordo in re minore
  • Johann Michael Nicolai 1629 – 1685
    Suite in re minore
  • Georg Philipp Telemann 1681 – 1767
    Suite in la minore
  • Johann Sebastian Bach 1685 – 1750
    Concerto italiano in fa maggiore BWV 971
23.16 – 23.47

JANET BAKER CANTA RESPIGHI

  • Ottorino Respighi 1879 – 1936
    La sensitiva, poema lirico dal poema di Shelley
23.48 – 24
  • Jean-Philippe Rameau 1683 – 1764
    Cinq Pièces (1741)