News

mercoledì 7 aprile

6.00 – 6.24

Wolfgang Amadeus Mozart 1756 – 1791
Concerto in do maggiore per pianoforte e orchestra K. 246 (23′)

6.24 – 6.49

Ludwig van Beethoven 1770 – 1827
Sonata in re maggiore op. 28 «Pastorale» (24′ 21”)

6.50 – 7.15

Gabriel Fauré 1845 – 1924
Quartetto per archi in mi minore op. 121 (24′ 24”)

7.16 – 7.20

Domenico Scarlatti 1685 – 1757
Sonata in mi maggiore K. 531 (3′ 24”)

7.21 – 7.38

Francesco Cilea 1866 – 1950
Sonata in re maggiore op. 38 per violoncello e pianoforte (16′ 41”)

7.39 – 8.20

Johannes Brahms 1833 – 1897
Sinfonia n. 4 in mi minore op. 98 (40′ 02″)

8.20 – 8.39

Ludwig van Beethoven 1770 – 1827
Sei Arie Nazionali con variazioni per pianoforte op. 105 (18′ 47”)

8.40 – 8.59

Richard Wagner 1813 – 1883
da La Walkiria: Addio di Wotan e Incantesimo del fuoco (14′ 38”)

9.00 – 10.29

ALMANACCO
a cura di Claudio Martini

In questo giorno del 1724, in occasione dei Vespri del Venerdì Santo, ebbe luogo la prima esecuzione accertata della Passione secondo San Giovanni di Johann Sebastian Bach. La grandiosa composizione, uno dei vertici assoluti della musica sacra di tutti i tempi, è costruita sui capitoli 18 e 19 del Vangelo secondo Giovanni ed è inframmezzata da arie e corali composti su alcuni testi poetici di Barthold Heinrich Brockes. Dal testo evangelico vengono isolati alcuni episodi-chiave: l’arresto di Gesù, la partecipazione della folla alla sua condanna, la crocifissione, la morte e la deposizione nel sepolcro. Sono presenti anche passaggi di preghiera non propriamente attinenti alle vicende evangeliche.

Johann Sebastian Bach 1685 – 1750
dalla Passione secondo Giovanni: selezione dei Corali e delle Arie (39′ 45”)

Il 7 aprile 1917 si dette al Teatro Eslava di Madrid la prima rappresentazione di El corregidor y la molinera, il governatore e la mugnaia, farsa mimica in due scene di Manuel de Falla, su libretto di Gregorio Martinez Sierra tratto da Pedro de Alarcón. Il lavoro, rivisto e ampliato, detto origine al ben più noto balletto Il cappello a tre punte, prodotto dai Ballets Russes di Djaghilev nel 1919. Caratteristica dello stile del compositore è qui la scelta di usare il flamenco per rivitalizzare la musica spagnola dopo un secolo di sonnolenza. Rilevanti sono infatti gli apporti che vengono dal tormentoso cante jondo e dalla drammatica esuberanza delle danze flamenco.

Manuel de Falla 1876 – 1946
El corregidor y la molinera (45′ 17”)

10.30 – 10.40

Notiziario culturale

10.40 – 11.29

SUITES BAROCCHE

Johann Sebastian Bach 1685 – 1750
Suite n. 1 in do maggiore BWV 1066 (25′ 41”)

Georg Philipp Telemann 1681 – 1767
Suite per orchestra in si bemolle maggiore «La Bourse» TWV55:B11 (22′ 11”)

11.30 – 11.40

Alessandro Scarlatti 1660 – 1725
Augellin, vago e canoro, Cantata per soprano, due flauti dolci e basso continuo (9′ 19”)

11.41 – 12.04

Wolfgang Amadeus Mozart 1756 – 1791
Sonata in si bemolle maggiore per pianoforte, K. 570 (22′ 40”)

12.05 – 12.29

Joseph Eybler 1765 – 1846
Sinfonia n. 1 in do maggiore (23′ 36”)

12.30 – 12.40

Spazio informativo

12.40 – 13.10

TRAME CULTURALI
notizie dal Palazzo della Musica
a cura di Andrea Nanni
in collaborazione con Camerata Strumentale «Città di Prato» e Scuola comunale di musica «Giuseppe Verdi»

13.11 – 13.29

Sergej Teneyev 1856 – 1915
Trio per archi in si minore (17′ 10”)

13.29 – 13.50

Igor Stravinskij 1882 – 1971
Scenes de Ballet, Suite (20′ 10”)

13.51 – 14.25

Ralph Vaughan Williams 1872 – 1958
Sinfonia n. 9 in mi minore (33′ 51”)

14.26 – 14.46

Arnold Schönberg 1874 – 1951
Concerto per pianoforte e orchestra in la minore op. 54 (19′ 14”)

14.47 – 15.15

Antonín Dvořák 1841 – 1904
Quartetto in fa maggiore op. 96 «Americano» (27′ 08”)

15.16 – 15.29

Gregorio Allegri 1582 – 1652
Miserere (12′ 35”)

15.30 – 15.40

Notiziario culturale

15.40 – 16.40

LUCE DI TAGLIO
Rubrica di attualità teatrali
a cura di Rodolfo Sacchettini

16.41 – 17.08

Gustav Mahler 1860 – 1911
Adagio, dalla Sinfonia n. 10 (26′ 35”)

17.09 – 17.29

Johannes Brahms 1833 – 1897
Variazioni su un tema di Schumann in fa diesis minore op 9 (19′ 51”)

17.30 – 18.10

Arnold Schönberg 1874 – 1951
Pelleas und Melisande, Poema Sinfonico op. 5, da Maeterlinck (40′ 10”)

18.10 – 18.30

Johann Sebastian Bach 1685 – 1750
Suite inglese n. 3 in sol minore BWV 808 (19′ 21”)

18.30 – 18.40

Spazio informativo

18.40 – 19.25

L’ARTE INVISIBILE
RADIODRAMMI, MELO-RADIO E GALLERIE DI VARIA UMANITÀ
a cura di Rodolfo Sacchettini
Fondazione Teatro Metastasio in collaborazione con Rete Toscana Classica

Il paese dei ciechi di Herbert G. Wells, regia di Chiara Callegari

19.26 – 19.50

Johannes Brahms 1833 – 1897
Sei Pezzi per pianoforte op. 118 (23′)

19.50 – 20.17

Maurice Ravel 1875 – 1937
Trio per pianoforte, violino e violoncello in la minore (26′ 01”)

20.17 – 20.30

Juan Crisostomo de Arriaga 1806 – 1826
Los esclavos felices, Ouverture (7′ 33”)

20.30 – 20.54

Piotr Ilijč Čajkovskij 1840 – 1893
La tempesta, poema sinfonico op. 18, da Ostrovskij (23′ 15”)

20.55 – 22.10

Robert Schumann 1810 – 1856
Manfred, musiche di scena op. 115 per il poema drammatico di Lord George Byron (74′ 34”)

22.11 – 22.14

Wolfgang Amadeus Mozart 1756 – 1791
Warnung K. 433 (2′ 01”)

22.15 – 22.46

NOTTURNO MOZARTIANO

Wolfgang Amadeus Mozart 1756 – 1791
Serenata notturna in re maggiore K. 239 (13′ 20”)

Wolfgang Amadeus Mozart 1756 – 1791
Eine kleine Nachtmusik in sol maggiore K. 525 (17′ 20”)

22.47 – 23.14

Ludwig van Beethoven 1770 – 1827
Sonata per violoncello e pianoforte in la maggiore op. 69 (26′ 44”)

23.15 – 23.20

Francesco Landini 1325 – 1397
Questa fanciull’amor (4′ 29”)

23.21 – 24.00

MUSICA STRUMENTALE ITALIANA

Giuseppe Martucci 1856 – 1909
Sonata op. 22 per violino e pianoforte (12′ 35”)

Ottorino Respighi 1897 – 1936
Sonata in si minore, per violino e pianoforte (24′ 23”)

x

Iscriviti alla mailing list di RTC

Per rimanere sempre aggiornati sui contenuti indediti, i palinsesti, i programmi le novità e i nuovi servizi di RTC, iscriviti alla nostra newsletter.

Consento al trattamento, alla conservazione ed alla comunicazione dei miei dati personali con le modalità e gli scopi specificati nella Politica sulla privacy