News

Palinsesto del 21 maggio

6 – 6.23

LE DANZE DI SCHUBERT

  • Franz Schubert 1797-1828
    Sei Walzer D. 145
  • Franz Schubert 1797-1828
    Dodici Ländler D. 366
  • Franz Schubert 1797-1828
    Walzer D. 844
  • Franz Schubert 1797-1828
    Tre Danze tedesche D. 972-973
6.24-7.14
  • Edward Elgar 1857 – 1934
    Concerto per violino e orchestra in si minore op. 61
7.15-7.28
  • Wolfgang Amadeus Mozart 1756 – 1791
    Serenata notturna in re maggiore K. 239, per archi e timpani
7.29-8.14

ANTOLOGIA PIANISTICA

  • François Couperin 1668-1733
    La Muse Plantine
  • Antonio Soler 1729-1783
    Sonata n. 88
  • Franz Schubert 1797-1828
    Improvviso in si bemolle maggiore op. 142 n. 3 D. 935 n. 3
  • Frédéric Chopin 1810-1849
    Tre Valzer op. 64
  • Frédéric Chopin 1810-1849
    Studi op. 10 n. 9 e n. 10
  • Frédéric Chopin 1810- 1849
    Studio in in do diesis minore op. 25 n. 7
  • Enrique Granados 1867-1916
    La maja y el Ruiseñor, da Goyescas 
8.15-8.39
  • Sergej Rachmaninov 1873-1943
    Rapsodia su un tema di Paganini per pianoforte e orchestra op. 43
8.39-8.59
  • Wolfgang Amadeus Mozart 1756-1791
    Concerto per corno e orchestra in mi bemolle maggiore K. 447
9.00 – 10.29

ALMANACCO
A cura di Claudio Martini

In questo giorno del 1892 ebbe luogo al Teatro dal Verme di Milano la prima rappresentazione dell’opera «Pagliacci» di Ruggero Leoncavallo, autore anche del libretto. Direttore dell’orchestra fu nell’occasione Arturo Toscanini, allora giovane e poco conosciuto. La storia si ispira ad un delitto realmente accaduto a Montalto Uffugo, in Calabria, ove il padre di Leoncavallo fungeva da magistrato.
L’opera ottenne subito un grande successo. Nel giro di due anni fu tradotta in molte lingue europee e si affermò come uno dei capisaldi del nuovo movimento ‘verista’.

  • Ruggero Leoncavallo 1858-1919
    Pagliacci, dramma in un prologo e due atti su libretto dell’autore 

Il 21 maggio 1904 nasceva a Kansas City il pianista, compositore e cantante statunitense Thomas «Fats» Waller, una delle leggende del jazz del Novecento. Fu uno straordinario virtuoso del suo strumento, capace di improvvisare a getto continuo e a velocità inarrivabile per gi altri.
Ma fu anche compositore prolifico ed incisivo. Molti suoi motivi, come ‘Ain’t misbehavin’, ‘Honeysucle Rose’, ‘Black and blue’, ‘Load of coal’ – frutto della feconda collaborazione con Andy Razaf – sono ancora degli ‘standards’ frequentatissimi dai jazzisti di oggi.
Studiava assiduamente anche il pianoforte classico ed aveva una grande ammirazione per la musica di Bach.

  • Fats Waller 1904-1943 Andy Razaf 1895-1973
    Ain’t misbehavin’
    Fats Waller 1904-1943
    Honeysuckle Rose
    Fats Waller 1904-1943
    Alligator Crawl 
10.30-10.40

notiziario culturale

10.40-11.40

NOVITÀ IN COMPACT
a cura di Francesco Ermini Polacci

11.41-12.02
  • Gabriel Fauré 1845-1924
    Pelléas et Mélisande op. 80
12.03-12.30
  • Aaron Copland 1900-1990
    Appalachian Spring 
12.30 – 12.40

spazio informativo

12.40-14.15

QUARTETTI

  • Ludwig van Beethoven 1770-1827
    Quartetto in fa maggiore op. 59 n. 1
  • Robert Schumann 1810-1856
    Quartetto in fa maggiore op. 41 n. 2
  • Charles Villiers Stanford 1852-1924
    Quartetto n. 1 in sol maggiore op. 44
14.16-14.34
  • Benjamin Britten 1913-1976
    Sei arrangiamenti di Folk Songs delle Isole Britanniche
14.35-15.08
  • Johannes Brahms 1833-1897
    Trio per pianoforte, violino e violoncello in si bemolle maggiore op. 8
15.09-15.30
  • Giuseppe Verdi 1813 – 1901
    Variazioni per pianoforte e orchestra sulla romanza «Caro suono lusinghiero» da Tebaldo e Isolina di Francesco Morlacchi, ricostruzione di Fortunato Ortombina, revisione di Riccardo Chailly 
15. 30 – 15.40

notiziario culturale

15.40-17.04
  • Anton Bruckner 1824-1896
    Sinfonia n. 8 in do minore
17.04-17.37
  • Wolfgang Amadeus Mozart 1756-1791
    Concerto in mi bemolle maggiore K. 271 per pianoforte e orchestra
17.37-17.55
  • Benjamin Britten 1913-1976
    Suite per violino e pianoforte op. 6
17.55-18.30
  • Franz Schubert 1797-1828
    Quartetto in re minore D. 810 «La morte e la fanciulla»
18.30-18.40

spazio informativo

18.40-19.40

Piccolo dizionario della musica classica
a cura di Claudio Martini

19.40-19.57
  • Frank Martin 1890 – 1974
    Ballata per violoncello e pianoforte
19.58-20.30
  • Ludwig van Beethoven 1770-1827
    Sonata in do minore op. 111
20.30-21.33

CONCERTI PER VIOLINO

  • Nicolò Paganini 1782-1840
    Concerto n. 2 in si minore op. 7 per violino e orchestra «La campanella»
  • Benjamin Britten 1913-1976
    Concerto per violino e orchestra op. 15
21.34-21.51

VÉRONIQUE GENS CANTA RAMEAU

  • Jean-Philippe Rameau 1683-1764
    Da Hippolyte et Aricie: «Cruelle mère des amours», aria di Phèdre
  • Jean-Philippe Rameau 1683-1764
    Da Hippolyte et Aricie, Ciaccona
  • Jean-Philippe Rameau 1683-1764
    Da Castor et Pollux: «Tristes apprêts», Air di Télaire
  • Jean-Philippe Rameau 1683-1764
    Da Les Fêtes de Polymnie: «Que ses regrets m’ont attendrie», Air di Argélie
21.52-22.33
  • Dimitri Šostakovič 1906-1975
    Concerto per violino e orchestra n. 1 in la minore op. 99
22.33-23.07

MOZART E IL CORNO DI BASSETTO

  • Wolfgang Amadeus Mozart 1756-1791
    Divertimento in si bemolle maggiore K. 439b n. 1 per tre corni di bassetto
  • Wolfgang Amadeus Mozart 1756-1791
    Divertimento in si bemolle maggiore K. 439b n. 2 per tre corni di bassetto
23.08-24.00
  • Georg Friedrich Haendel 1685-1759
    The choice of Hercules 

x

Iscriviti alla mailing list di RTC

Per rimanere sempre aggiornati sui contenuti indediti, i palinsesti, i programmi le novità e i nuovi servizi di RTC, iscriviti alla nostra newsletter.

Consento al trattamento, alla conservazione ed alla comunicazione dei miei dati personali con le modalità e gli scopi specificati nella Politica sulla privacy