News

Palinsesto del 25 febbraio

6 – 6.46

HAENDEL AL PIANOFORTE

  • Georg Friedrich Haendel 1685 – 1759

    Suite n. 5 in mi maggiore 

  • Georg Friedrich Haendel 1685-1759
    Ciaccona in sol maggiore 
  • Georg Friedrich Haendel 1685-1759
    Suite n. 9 in sol minore
    Georg Friedrich Haendel 1685-1759
    Suite n. 2 in fa maggiore 

6.47-7.07

  • Wolfgang Amadeus Mozart 1756-1791
    Concerto in re maggiore K. 211 per violino e orchestra

7.08-7.12

HAENDELIANA

  • Georg Friedrich Haendel 1685-1759
    Water music 
  • Georg Friedrich Haendel 1685-1759
    Dettingen Anthem 

8.13-8.59

  • Piotr Ilijč Čajkovskij 1840-1893
    Sinfonia n. 4 in fa minore op. 36

9.00 – 10.29

ALMANACCO

a cura di Claudio Martini

Il 25 febbraio 1890 nasceva a Londra Myra Hess, pianista inglese considerata una delle soliste più eminenti del Novecento. Debuttò nel 1907 suonando il Quarto concerto di Beethoven con Sir Thomas Beecham. Da lì proseguì con tournées in Gran Bretagna, Paesi Bassi e Francia, fino al debutto newyorchese del 1922. Acquisì ulteriore fama durante la seconda guerra mondiale quando, con tutte le sale da concerto chiuse, organizzò una serie di concerti di mezzogiorno presso la Galleria Nazionale. Per questo alto contributo morale le fu riconosciuto nel 1941 il titolo di Dama di Commenda dell’Impero Britannico.

Celebre per le sue interpretazioni di Mozart, Beethoven e Schumann, ha avuto un ampio repertorio che va da Domenico Scarlatti fino ad opere contemporanee. Suo è il un noto arrangiamento per pianoforte del preludio Corale «Jesus bleibet meine Freude» dalla Cantata 147 di Bach.

  • Johann Sebastian Bach 1685-1750
    dalla Cantata «Herz und Mund und Tat und Leben» BWV 147: Corale «Jesus bleibet meine Freude», trascrizione per pianoforte di Myra Hess 
  • Wolfgang Amadeus Mozart 1756-1791
    Concerto per pianoforte e orchestra n. 23 in la maggiore K. 488
  • Franz Schubert 1797-1828
    Sonata per pianoforte n. 13 in la maggiore D. 664 

Nasceva in questo giorno del 1940 a Toro (in Castiglia-Leon) il direttore d’orchestra spagnolo Jesus Lopez-Cobos. Dopo aver studiato filosofia all Computense di Madrid, frequentò l’Università per la musica e le arti interpretative di Vienna, sotto la guida di Franco Ferrara e Hans Swarowski. Vincitore del Concorso internazionale di direzione d’orchestra di Besançon nel 1968, fu direttore della Deutsche Oper di Berlin, dell’Orquesta Nacional de España e del Teatro Real de Madrid. Nel 1981 fu insignito del Premio Principessa delle Asturie, sezione arte, nella sua prima edizione.

Fu sempre stimato per la nobiltà e la regalità del gesto oltre che per la versatilità e l’imperturbabile serietà del lavoro artistico, e “l’opposto di una star del podio”.

È scomparso a Berlino il 2 marzo 2018.

  • Isaac Albeniz 1860-1909
    Rapsodia española op.70
  • Claude Debussy 1862-1918
    da Iberia: Les parfums de la nuit 
  • Joaquin Turina 1882-1949
    Danzas fantasticas op.22 

10.30 – 10.40 notiziario culturale

10.40-11.18

  • Johannes Brahms 1833 – 1897
    Doppio concerto per violino, violoncello e orchestra in la minore, op. 102 

11.19-12.30

I QUARTETTI «RASOUMOWSKY» DI BEETHOVEN

  • Ludwig van Beethoven 1770-1827
    Quartetto in fa maggiore op. 59 n. 1«Rasoumowsky» 
  • Ludwig van Beethoven 1770 – 1827
    Quartetto per archi in do maggiore op. 59 n. 3 «Rasoumowsky»: Introduzione 

12.30-12.40 spazio informativo

12.40-13.58

GRANDI INTERPRETI; YOURA GULLER

  • François Couperin 1668-1733
    La fleurie ou la Tendre Nanette 
  • Johann Sebastian Bach 1685-1750
    Preludio e Fuga in la minore BWV 543, trascrizione per pianoforte di Franz Liszt 
  • Ludwig van Beethoven 1770-1827
    Sonata in la bemolle maggiore op. 110 
  • Ludwig van Beethoven 1770-1827
    Sonata in do minore op. 111 
  • Frédéric Chopin 1810-1849
    Ballata n. 4 in fa minore op. 52 

13.59-14.52

SESTETTI PER ARCHI

  • Luigi Boccherini 1743-1805
    Sestetto in fa minore op. 23 n. 4 G. 457 
  • Johannes Brahms 1833 – 1897
    Sestetto per archi n. 2 in sol maggiore op. 36

14.53-15.30

  • Béla Bartók 1881-1945
    Concerto n. 2 per violino e orchestra Sz. 112 

15.30-15.40 notiziario culturale

15.40-15.59

  • Darius Milhaud 1892-1974
    Concerto n. 2 per due pianoforti e percussioni op. 394 

16.00-16.44

ANTOLOGIA SINFONICA

  • Franz Schubert 1797 – 1828
    Sinfonia n. 3 in re maggiore
  • Carl Maria von Weber 1786-1826
    Sinfonia n. 2 in do maggiore 

16.45-17.06

  • Wolfgang Amadeus Mozart 1756-1791
    Concerto per oboe e orchestra in do maggiore K. 314

17.07-17.37

  • Jacques Offenbach 1819-1880
    Gaité Parisienne, estratti dal balletto, orchestrazione di Manuel Rosenthal

17.38-18.16

  • Gabriel Fauré 1845 – 1924
    Quartetto per pianoforte e archi n. 2 in sol minore op. 45

18.17-18.30

ARIE DI HAENDEL

  • Georg Friedrich Haendel 1685-1759
    Da Amadigi: «Desterò dell’empia Dite» 
  • Georg Friedrich Haendel 1685-1759
    Da Samson: «Let the bright Seraphim»

18.30-18.40 spazio informativo

18.40-19.40

IL CANE DA TARTUFI

a cura di Bruno Mugnai

19.41-20.21

  • Franz Schubert 1797-1828
    Sonata «Gran Duo« in do maggiore D. 812 per pianoforte a quattro mani 

20.22-20.30

  • Robert de La Rue XVI secolo
    Au feu d’amours 

20.30-22.37

  • Hector Berlioz 1803-1869
    La Damnation de Faust (La Dannazione di Faust), Leggenda drammatica in tre parti su testo dell’autore e Almire Gandonnière, dalla tragedia di Johann Wolfgang Goethe nella traduzione francese di Gérard de Nervalünch. Registrazione storica del 1954. 

22.38-24.00

ANTOLOGIA PIANISTICA

  • Johann Sebastian Bach 1685-1750
    Suite inglese n. 5 in mi minore BWV 810
  • Ludwig van Beethoven 1770-1827
    Sonata in sol maggiore op. 31 n. 1
  • Felix Mendelssohn-Bartholdy 1809-1847
    Fantasia su «The Last Rose of Summer» op. 15
  • Robert Schumann 1810-1856
    Fantasia in do maggiore op. 17 

x

Iscriviti alla mailing list di RTC

Per rimanere sempre aggiornati sui contenuti indediti, i palinsesti, i programmi le novità e i nuovi servizi di RTC, iscriviti alla nostra newsletter.

Consento al trattamento, alla conservazione ed alla comunicazione dei miei dati personali con le modalità e gli scopi specificati nella Politica sulla privacy