Peer Gynt tra Ibsen e Grieg

Data: 16/01/2024

Ora: 20:00

Città: Firenze

Luogo: Teatro del Maggio - Sala Mehta

Fino a 17/01/2024

Direttore: Nikolas Nägele

Orchestra: Orchestra e Coro del Maggio Musicale Fiorentino

Musica: Edvard Grieg

Interpreti:

Peer Gynt Sandro Lombardi
Aase, Solvejg Elena Ghiaurov
Il mago Annibale Pavone
Solvejg Aitana Sanz Pérez
Anìtra Olha Smokolina
Tre mandriane Constanza Antunica, Nadia Pirazzini, Chiara Chisu

Autore: Henrik Ibsen

La stagione invernale del Teatro del Maggio si apre con Peer Gynt, musiche di scena di Edvard Grieg per il dramma di Henrik Ibsen. Martedì 16 e mercoledì 17 gennaio alle ore 20, sul palco della Sala Mehta, torna a Firenze in forma di concerto il poema drammatico scritto da Ibsen nel 1867. Il drammaturgo norvegese, all’epoca in Italia, aveva conosciuto l’anno precedente a Roma il compositore, suo connazionale, Edvard Grieg. Qualche anno dopo , nel 1874, Ibsen chiese al musicista di comporre le musiche di scena. Inizialmente Grieg accettò con entusiasmo la proposta ma il lavoro procedette con lentezza e Grieg arrivò a definire Peer Gynt “il meno musicale dei soggetti possibili”. Nonostante questo, le musiche di scena composte da Grieg conobbero un successo notevole, tanto che il musicista decise di ricavarne due suite sinfoniche di quattro episodi che diventarono le sue composizioni più popolari.

In questa nuova edizione il testo sarà riproposto nell’elaborazione drammaturgica di Pier Paolo Pacini.
Sul podio, alla guida dell’Orchestra e del Coro del Maggio, il maestro Nikolas Nägele. Nägele si è formato all’Accademia del Maggio, è stato Kappellmeister alla Deutsche Oper di Berlino dal 2017 al 2019 e più volte assistente di Christian Thieleman a Salisburgo e a Bayreuth.
Il cast è capitanato dall’attore Sandro Lombardi (nella foto) nei panni del protagonista. Con lui l’attrice Elena Ghiaurov nelle parti di Aase e Solvejg e l’attore Annibale Pavone nel ruolo del Mago.
Gli interventi cantati sono affidati al soprano Aitana Sanz-Pérez e al mezzosoprano Olha Smokolina, entrambe dell’Accademia del Maggio, rispettivamente nelle parti di Solvejg e Anìtra. Constanza Antunica, Nadia Pirazzini e Chiara Chisu, coriste del Maggio, interpretano le tre mandriane.

Foto di Michele Monasta

x

Iscriviti alla mailing list di RTC

Per rimanere sempre aggiornati sui contenuti indediti, i palinsesti, i programmi le novità e i nuovi servizi di RTC, iscriviti alla nostra newsletter.

Consento al trattamento, alla conservazione ed alla comunicazione dei miei dati personali con le modalità e gli scopi specificati nella Politica sulla privacy