RAI 5: POMERIGGI DI GRANDE MUSICA

Prosegue su Rai 5 la programmazione che Rai Cultura dedica quotidianamente, durante questo periodo, alla grande musica nella fascia oraria del tardo pomeriggio, dalle ore 18 alle ore 20.

La settimana si apre lunedì 16 marzo alle ore 18 con un concerto dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai al Teatro alla Scala di Milano, per l’edizione 2018 del Festival “Milano Musica”. Sul podio c’è Heinz Holliger, oboista ma anche direttore e compositore. Holliger propone Stele, prima composizione per grande orchestra di György Kurtág. Segue il Concerto per pianoforte e orchestra di un altro esponente dell’avanguardia ungherese, György Ligeti. Lo interpreta il pianista Pierre-Laurent Aimard, fedele collaboratore di Ligeti. Chiude il programma il Concerto per orchestra di Béla Bartók, capolavoro della maturità scritto durante i difficili anni del suo esilio americano.

A seguire, martedì 17 marzo sempre alle 18, il capolavoro di Gaetano Donizetti Don Pasquale. Rai 5 lo propone nell’ormai storica interpretazione di Riccardo Muti con l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini e la regia di Andrea De Rosa. Protagonisti il baritono Claudio Desderi nel ruolo del titolo; Mario Cassi come Malatesta; Francisco Gatell e Laura Giordano nelle parti dei due giovani innamorati Ernesto e Norina; e Gabriele Spina come Notaro.

Mercoledì 18 marzo alle 18 è la volta dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e del suo direttore musicale Antonio Pappano, con un concerto del 2013 dedicato ad Amnesty International. In programma il Capriccio sinfonico di Giacomo Puccini, con la freschezza giovanile delle sue intuizioni melodiche. A seguire la nostalgia crepuscolare dei Quattro ultimi Lieder di Richard Strauss, interpretati dal soprano Dorothea Röschmann. In chiusura la Sinfonia n. 2 di Sergej Rachmaninov, con il suo romanticismo proiettato verso suggestioni cinematografiche.

Giovedì 19 marzo, ancora alle 18, va in onda il balletto di Lidia Pashkiva e Marius Petipa Raymonda, registrato al Teatro alla Scala nel 2014. Questa versione su musiche di Aleksandr Glazunov è la più vicina all’originale, che debuttò a San Pietroburgo nel 1898, ed è curata da Sergej Vikharev. Protagonisti Olesia Navikova e Friedemann Vogel. L’orchestra del Teatro alla Scala è diretta da Alexander Titov.

Chiude la settimana, venerdì 20 marzo alle 18, uno dei capolavori del compositore ceco Leos Janacek: La piccola volpe astuta. Tratto dal romanzo di Rudolf Tesnohlidek, lo spettacolo è andato in scena al Teatro Comunale di Firenze nel 2011. L’orchestra e il coro del Maggio Musicale Fiorentino sono guidati da Seiji Ozawa. L’allestimento del regista francese Laurent Pelly restituisce alla perfezione la dimensione favolistica del lavoro.