Terra di Nicola Sani al Ravenna Festival

Data: 14/06/2019

Ora: 18:00

Città: Ravenna

Luogo: Teatro Dante Alighieri

Musica: Nicola Sani

Solista: Antonio Caggiano. percussioni

Regia: Alvise Vidolin

Venerdì 14 giugno alle ore 18 al Teatro Dante Alighieri di Ravenna, per il Ravenna Festival, Nicola Sani presenta Terra, brano per percussioni e spazio sonoro multidimensionale. Lo interpreta il percussionista Antonio Caggiano immerso in uno spazio acustico a otto canali delineato dalla regia del suono di Alvise Vidolin.

“Terra – anticipa Nicola Sani – è un’opera di suoni riflessi nello spazio, suoni di pietre, legni, pelli, metalli, che rimandano a un primordiale canto della terra, in cui sono racchiusi significati allegorici, poetici, filosofici e visivi. Suoni primordiali, arcaici, legati al corpo, all’origine delle culture sonore. Suoni nomadi per eccellenza, che l’uomo ha sempre portato con sé in ogni sua migrazione. Le percussioni utilizzate in Terra sono esclusivamente quelle non intonate, che producono sonorità ad altezze indefinite.

In un percorso dentro se stessi si ritrovano metamorfosi sconosciute, suoni di pietra che si avvicinano all’acqua, all’aria e al fuoco. Suoni scavati nelle profondità della Terra e dell’Io, come in un rituale arcaico e materico. Un mondo sonoro ancora intatto che ad ogni passo riserva armonie pietrificate e scenari immobili, strappati al buio da fasci di luce sonora.
Sul filo del dialogo fra l’uomo e la Terra, si intrecciano emozioni che vengono da esperienze profonde e latitudini lontane. E quando il suono si spegne, cadute anche le ultime vibrazioni, torna a regnare l’eterno respiro della Terra, mentre, forse per un attimo, si intravvede un bagliore del nostro inconscio.

La tecnologia entra in questo ecosistema sonoro creando uno straordinario spazio acustico a otto canali e la regia del suono, curata da Alvise Vidolin, definisce una drammaturgia sonora multi-dimensionale”.

Nicola Sani ha studiato composizione con Domenico Guaccero, specializzandosi con Karlheinz Stockhausen e composizione musicale elettronica con Giorgio Nottoli. Ha seguito inoltre i seminari di composizione di Tristan Murail, George Benjamin e Jonathan Harvey. È autore di opere di teatro musicale, opere per la danza, composizioni sinfoniche e da camera, opere elettroniche e installazioni intermediali. I suoi lavori sono stati interpretati da direttori, solisti e formazioni strumentali di fama internazionale. Ha collaborato inoltre con alcuni tra i più grandi artisti nel campo del cinema e della videoarte, tra cui Michelangelo Antonioni e Nam June Paik.

Attualmente è direttore artistico dell’Accademia Chigiana di Siena e presidente dell’Istituto Nazionale di Studi Verdiani di Parma. Per il complesso della sua produzione musicale e per la sua attività nel campo della direzione artistica nel 2011 è stato insignito dal Ministro della Cultura francese del titolo di “Chevalier des Arts et des Lettres”. Ha inoltre ottenuto numerosi premi e riconoscimenti in Italia e all’estero.