Horowitz e il suo tempo: Fauré e Debussy

06/11 - 18.40

A trent’anni dalla morte di Vladimir Horowitz, ricordiamo il grande pianista con un ciclo, in onda ogni mercoledì alle 18.40, a cura di Claudio Martini. Vladimir Horowitz e il suo tempo. Incontri, amicizie e affinità musicali presenta un Horowitz meno noto e consueto, fuori dalle pagine che l’hanno reso più celebre e riconoscibile. Non vi proponiamo le sue celebri incisioni di Mozart, Beethoven, Chopin, Schumann o Liszt, e nemmeno i suoi riusciti lavori su Scarlatti e Clementi. Preferiamo seguire il pianista nel suo tempo, il primo Novecento, e nel suo ambiente, con le relazioni amicali e musicali che ha intrattenuto per gran parte della vita. Questa prima puntata è dedicata al primo Novecento francese con particolare attenzione a Gabriel Fauré e a Claude Debussy.

Nella trasmissione di oggi ascolteremo:

Gabriel Fauré, Nocturne n. 13 in si minore op 119

Gabriel Fauré, Impromptu n. 5 op. 102

Claude Debussy, Sérénade pour une poupée, da Children’s Corner

Claude Debussy, Etudes: n. 1, n. 4, n. 6, n. 11

Claude Debussy, L’isle joyeuse

Claude Debussy, Préludes, libro II: nn. 4-7

Georges Bizet, da Carmen, trascrizione per pianoforte

Camille Saint-Saëns, Danse macabre, trascrizione per pianoforte