Quartetti del Novecento: Janáček e Berg

21/05 - 22.21

La seconda serata riserva uno spazio alla musica da camera del Novecento con due quartetti composti da Leoš Janáček e da Alban Berg. Ascoltiamo in apertura il Quartetto n. 2 “Lettere intime” scritto da Leoš Janáček nel 1928 nell’esecuzione del Quartetto Alban Berg. In questo Quartetto, che doveva inizialmente intitolarsi Lettere d’amore e nella versione definitiva Lettere intime, Janàček racconta il suo amore per Kamila Stösslovà. Il sentimento si traduce in un flusso musicale irregolare e frammentato, scandito dal susseguirsi di immagini sonore tanto vive quanto contrastanti. A seguire il Quartetto La Salle esegue la Suite Lirica per quartetto d’archi composta da Alban Berg tra il 1925 e il 1926. Primo lavoro dodecafonico, la Suite è articolata in sei movimenti “dal carattere più lirico che sinfonico”. L’ispirazione proviene dal clima poetico della Lyrische Symphonie scritta nel 1923 da Alexander Zemlinsky, da cui Berg riprende sia il titolo sia l’articolazione in sei movimenti nonché alcuni frammenti tematici. Non a caso il brano è dedicato proprio a Zemlinsky.

x

Iscriviti alla mailing list di RTC

Per rimanere sempre aggiornati sui contenuti indediti, i palinsesti, i programmi le novità e i nuovi servizi di RTC, iscriviti alla nostra newsletter.

Consento al trattamento, alla conservazione ed alla comunicazione dei miei dati personali con le modalità e gli scopi specificati nella Politica sulla privacy